Fare Marketing con Facebook!

FacebookFacebook è un portale di social networking che sta crescendo in un modo smisurato. Le potenzialità di questo mezzo sono grandi visto che immagazzina tutti gli elementi di un sito Web 2.0 . Inoltre, per tutto ciò che concerne il marketing Facebook si presenta come uno strumento unico per diffondere idee e messaggi, il punto di unione tra il Web 2.0 e il mondo dei brand.
Spiegare in poche parole cosa sia face book e cosa si possa fare grazie ad esso è un’impresa ardua.In generale Facebook può essere assimilato a MySpace. Un portale per il social networking in cui ognuno può creare il proprio profilo personale, caricare delle foto, inviare messaggi pubblici e privati, rendere pubblici i propri gusti e i propri interessi iscrivendosi a gruppi e costruire un elenco di amici, condividere musica, video … Facebook ha sicuramente qualche cosa in più che deriva dall’idea progettuale di fondo:

Facebook è una piattaforma cin un framework in grado di contenere ogni tipo di contenuto e ogni tipo di applicazione, secondo la teoria del “mash-up”


1. L’utilizzo dello “sharing” è molto pervasivo.
2. Puoi avere ed utilizzare tutto quello che vedi e che leggi nel profilo di altri utenti, face book incentiva la scoperta e la diffusione di ogni tipo di contenuto ed applicazione
3. Quando decidi di utilizzare o caricare qualcosa, face book ti consiglia sempre vivamente di condividerlo con gli amici della tua lista.
4. Grazie al sistema di “inviti e notifiche”, face book quasi ti obbliga a restare sul portale connesso costantemente.
5. I contenuti sono gestiti in modo “Dinamico”, si può parlare senza ombra di dubbio di “User generated contents automatici”. Ogni applicazione di face book pubblica in un mini-feed tutte le azioni dell’utente: “informazioni snack + aggiornamento continuo = massa critica”
6. In ogni caso gli utenti possono limitare la pervasività delle applicazioni limitando alcune funzionalità automatiche
7. La “user experience” è studiata in ogni suo particolare (un altro mondo rispetto a myspace!): pagine ordinate, contenuti flash, modularità delle strutture in “easy style” che permettono di customizzarsi le pagine trascinando i vari moduli dove si vuole.

Le applicazioni di Facebook?

Le applicazioni di Facebook sono un’ infinità di widget che possono essere utilizzate nei profili degli utenti e nelle pagine. La quasi totalità delle applicazioni sono create da programmatori indipendenti, e sono “scritte” in php.

Ma qual è lo scopo delle applicazioni?

1. Entertainment e generazione di contenuti, ad esempio video, musica, animazioni divertenti per arricchire le pagine personali degli utenti, diffusione di giochi, viral, ecc…
2. Strumenti fruibili socialmente, con l’unico scopo di aumentare i collegamente fra i vari utenti per mezzo di games, sistemi di messaggistica e vari test.
3. Strumenti utili per la pubblicità, la promozione e per le aziende.

E il marketing?

Ecco alcune considerazioni da considerare sempre:

• Impressionante tasso di esposizione virale, che permette una propagazione molto rapida dei contenuti. Nel momentoi in cui un’applicazione viene caricata su Facebook, ognuno può installarla ripetutamente generando una quantità costantedi traffico, che può essere canalizzato verso il proprio sito web…
• Le dettagliate informazioni socio-demografiche di ogni utente (minuziosamente forgiate) permette di attuare azioni mirate sul target di riferimento
• Possibilità di creare applicazioni a diversi livelli di difficoltà, anche a costi ristretti
• Ed è sempre bene considerare la possibilità di sfruttare il momento di hype per avere visibilità, dato che tra le Big Brand ancora poche si sono mosse qui (Nokia, Coca Cola ….)

Creare Gruppo con Facebook!!!

Secondo il mio parere se si è alla ricerca di un mezzo per fare marketing i “Gruppi” di face book non sono lo strumento adatto a voi. Molto meglio utilizzare Ning, ma si aggiungerà l’ostacolo di riuscire a coinvolgere utenti realmente interessati alla vostra community.
Oggi noto che la quantità di gruppi a cui ogni utente è iscritto ne rende difficile la partecipazione reale: per decidere se iscriversi o meno ad un gruppo l’utente ne legge soltanto il nome, e il più delle volte lo fa solamente perché un amico gli ha mandato l’invito.
Ora quindi mi chiedo: se la maggior parte degli utenti di face book si uniscono a gruppi senza leggere nemmeno i contenuti, che valenza ha iscriversi ad un gruppo di face book? Quali dovranno essere gli obiettivi di marketing se un’azienda decide di mettere su un gruppo con face book?
Il più delle volte molti utenti seguono i gruppi solo per incrementare il numero delle informazioni su di sé all’interno del proprio profilo, scelgono i nomi dei gruppi che più li rispecchiano o con i quali si sentono in qualche modo legati. Quindi mi viene da pensare che per avere un gruppo numeroso potrebbe anche solo bastare lo scegliere un nome per il gruppo che sia divertente che abbia una presa di posizione netta su un qualsivoglia argomento, qualcosa che la gente trovi divertente e ironico.

Ma quali dovrebbero essere i motivi per creare un gruppo se poi nessuno realmente interagisce?

• Creare rumore attorno ad un evento, un prodotto, un personaggio…., come ad esempio il gruppo “Quelli che: “Ecco un parcheggio! …. Nooo, c’è una Smart.” che raccoglie più di 90.000 membri. Questo è davvero è un ottimo esempio: divertente, consente di dire la propria opinione pro o contro la smart nelle discussioni o in bacheca senza l’obbligo di leggere i commenti successivi, e raccoglie numerose foto e video sulla macchina. E’ un gruppo vivo che abilita il passaparola attorno al brand sia online che offline!
• Essere facilmente rintracciabili quando una persona ci cerca: in questo caso è però più adatta una pagina fan. Fondamentale è che la bacheca su Facebook sia aggiornata e piena di informazioni, per creare discussioni attorno al brand tramite gli utenti che vanno a vederlo.
• Sviluppare una lista di persone a cui inviare messaggi di posta. Attenti a formare un gruppo che si adatti alla profilazione dei potenziali clienti, per poi inviare loro comunicazioni private. Il numero dei messaggi che si inviano non deve essere numeroso e soprattutto e soprattutto ci dobbiamo accertare che possa interessare davvero le persone che li riceveranno, in caso contrario gli effetti saranno più negativi che altro.
• Creare attenzione a in un breve lasso di tempo su un tema legato a un marchio o ad una azienda.
• Incrementare le visite ad un sito web esterno. Bisogna essere abili a creare curiosità o almeno un motivo o una ragione per spingere gli utenti a voler visitare il sito esterno. Utilizzate anche Facebook Ads per catturare maggiore attenzione e “brusio” intorno al gruppo creato.

Come incentivare le persone ad iscriversi al gruppo?

Bisogna sicuramente sapere che creare un gruppo non basta!
Ogni giorno nascono centinaia se non migliaia di nuovi gruppi e ognuno di noi viene costantemente tartattassato di notifiche ed inviti e spam vario. Distinguersi è davvero semplice: contenuti originali, di valore e validi, offrendo spunti di dibattito e di riflessione agli altri utenti.
Un altro consiglio per incentivare le persone ad iscriversi al gruppo è quello di offrire sconti o regali ai primi TOT iscritti entro una data prestabilita.
Una raccomandazione è quella di stare ben attenti al non fare SPAM.

Vi rimando al prossimo articolo per avere maggiori informazioni tecniche sul come creare un gruppo su face book e una pagina fun.

La nostra pagina fun, su face book.

...
Loading