Digital Marketing e Web Marketing, qual è la differenza?

Digital Marketing e Web Marketing

Digital Marketing e Web Marketing rappresentano due denominazioni che individuano due aree distinte, seppur in un certo modo convergenti. Proprio per questa ragione vengono confuse da molti come sinonimi. In particolare in Italia dove l’utilizzo della seconda denominazione è molto più diffuso.

Se verifichiamo infatti i dati di Google Trends relativi all’utilizzo delle Keywords specifiche notiamo come a livello globale il “digital marketing” abbia superato le ricerche nei confronti del “web marketing”, invertendo una tendenza che fino al 2011 pendeva notevolmente a favore di quest’ultimo. Ad eccezione dell’Italia dove questa controtendenza non è ancora emersa mostrando un’evidente arretratezza anche da questo punto di vista, sia sul piano della conoscenza della disciplina sia per ciò che concerne la cultura d’impresa, sebbene anche da noi la keyword in oggetto sia in aumento nelle ricerche.

Ma quali sono le differenze tra web e digital marketing?

  • Il Web Marketing ruota attorno a quella serie di tecniche e strategie di marketing che utilizzano il web. Comprende in particolare la SEM, la SEA e il Social Media Marketing.
  • Il Digital Marketing rappresenta invece un concetto più ampio, che include il Web Marketing ma si riferisce anche ad altre tecniche e strumenti connessi al marketing e comandato dalla persona. Comprende elementi di varia natura come l’IoT, l’Email

Marketing e le App, la SEO, ma anche le tecniche di Lead Generation e le Web Analytics. All’interno del mondo digital marketing rientrano le notifiche che le app possono inviare sul telefonino dei clienti, sfruttando la connessione Bluetooth, tramite il concetto di vicinanza. Così quando passo davanti a un negozio, oppure vicino allo stand di un grande magazzino, posso ricevere una notifica promozionale di quel negozio.

Ora, se vuoi portare clienti sulla tua pagina web attraverso l’inbound marketing è necessaria la giusta ottimizzazione per i motori di ricerca, attraverso la SEO, oppure si può ottenere aprendo un blog e intercettando le ricerche che le persone fanno su internet. O, ancora, creando una strategia di social media.

Ecco, tutte queste attività fanno parte del digital o web marketing? Ebbene, la risposta è che rientrano in entrambe le categorie poiché tutto ciò che si muove secondo il web marketing fa parte del mondo digitale. Mentre non si può dire il contrario.

Un’altra differenza si può individuare proprio nella differente terminologia. Il web può mostrare e diffondere tutto ciò che è stato già creato e costruito. Mentre il “digitale”, che deriva appunto dalla parola “dita”, si riferisce alla persona che crea e che ragiona: per questo il suo significato è più ampio.

Si tratta proprio di un percorso diverso, che parte da persone reali che creano o fanno qualcosa, sia un prodotto, un servizio o un’idea, che vengono poi promossi e pubblicizzati nel web, ma il cui risultato non si ferma online (come, invece, avviene nel web marketing), ma torna da dov’era partita.

Attualmente siamo in un periodo in cui ormai il concetto generico di “web” marketing è stato superato. Inoltre il “digital marketing” non si riferisce allo stesso ambito di azione del primo. Per questo sarebbe corretto parlare di “digital” marketing anzichè di “web” marketing, poiché il secondo rimanda solo all’ambiente virtuale in cui, per un certo periodo transitorio, si è creato una specie di “trasloco”.

Digitale non è però virtuale. Anzi, il digitale è diventato realissimo nella nostra quotidianità: ha acquisito un ruolo di riferimento e di affidabilità (nella ricerca lavoro, per la nuova casa o per un confronto prezzi) di gran lunga superiore rispetto a tutti gli altri canali del passato. Per cui nel tempo ha assunto un livello di completezza, di attendibilità e di puntualità che non ha confronti.

Le aziende fino ad oggi avevano la necessità di stare sul web, attraverso un sito internet per mostrare la loro esistenza online e la loro modernità. In seguito, con il sopraggiungere degli shop online, delle sezioni blog interne al sito e l’ingresso invasivo dei Social che ha permesso agli utenti di interagire, commentare, lasciare preferenze e acquistare, online e offline si sono intrecciati fino a diventare complementari. Grazie all’evoluzione digitale, oggi non c’è più distinzione tra i due ambienti, “reale” e “virtuale” si sono integrati.

Ad esempio, può capitare che grazie ad una ricerca di informazioni online riguardo un prodotto ci rivolgiamo poi ad un negozio offline per acquistarlo. O viceversa, possiamo essere attirati da un prodotto in un negozio fisico ma essere persuasi all’acquisto solo dopo aver letto recensioni ed esperienze positive di altri utenti sul web che hanno acquistato o usufruito di quel prodotto/servizio, come esserne influenzati negativamente qualora i feedback fossero negativi.

Ciò rende chiaramente l’idea di come il nostro modo di approcciarsi al mondo digitale sia radicalmente cambiato, sia per ciò che concerne la propensione agli acquisti sia anche in termini di sicurezza: se fino a poco tempo fa un utente era scettico e diffidente verso la rete, oggi è un inestimabile plus valore da cui acquisire benefici sotto tanti aspetti.

A quali risultati porta il digital marketing?

Per ciò che concerne un prodotto o servizio, il risultato sarà la vendita, oppure un brand/marcio verrà promosso efficacemente, una news sarà divulgata e indirizzata specificamente alle persone “giuste”.

Per questo il digital marketing si può definire come una tendenza positiva che sta emergendo: mentre il web marketing è uno strumento a sé stante, un luogo separato con le proprie regole, per promuovere e mostrare ciò che si crea, il digital marketing invece parte dalle persone stesse e si adatta alle nostre idee, ai nostri prodotti per portarci i risultati che desideriamo.

Conclusione
Ciò che emerge in maniera evidente è che esiste una sola disciplina, il Marketing, a cui sono associati aspetti differenti. Mentre il termine digital convoglia internamente una serie di sfaccettature che rendono più ampio il numero di canali e strumenti utilizzati per elaborare strategie e attività, il termine web è più ristretto e meno duttile.

Per cui la soluzione sta nell’uso più appropriato della parola “digital” proprio perché indica l’unificazione di due istanze rimaste separate inefficacemente per molto tempo.

Lascia una risposta