Aumentare i Follower su Instagram: Consigli e Strategie!

Aumentare i Followers su Instgram

Instagram oggi è il Social network in maggiore ascesa ed il più popolare per la condivisione di foto e video brevi. Rappresenta un canale fondamentale per sviluppare o accrescere il proprio personal branding grazie agli oltre 800 milioni di utenti attivi nel mondo. Naturalmente non c’è una regola unica e assoluta per avere migliaia di follower (soprattutto in tempi brevi), ma ci sono una serie di tecniche e consigli pratici per aumentare i follower su Instagram. Piuttosto che una delle tante guide presenti sul tema, preferisco fornirvi una serie di informazioni utili per accrescere la popolarità di un profilo su Instagram.

Il primo impatto è trasmesso dalle informazioni sul Profilo!

La prima cosa importante è la cura della biografia, con una definizione chiara, sintetica ed esaustiva di se stessi o della pagina che si rappresenta, considerando anche il numero limitato di caratteri che si possono inserire. Se necessario, puoi ovviare inserendo solo delle parole chiave in un elenco puntato. La foto del profilo dev’essere a tema col tuo account Instagram, quindi rappresentare una tua immagine in primo piano oppure il logo della tua azienda se si tratta di un account business. Inoltre è utile aggiungere un link all’interno della biografia, ad esempio quello che richiama la tua pagina Facebook oppure il tuo sito web.
E’ importante anche collegare il profilo Instagram al proprio account Facebook: in questo modo tutti i tuoi amici riceveranno una notifica che potrebbe incentivarli a seguirti. Tuttavia, pur essendo uno step molto utile, non c’è un momento ideale in cui farlo. Può essere fatto all’inizio per creare una prima base di seguaci quando il proprio profilo è ancora privo di contenuti. Oppure mostrarsi ai propri amici quando si ha già un percorso avviato.

Focalizzati sui contenuti!

Creare in modo originale foto e video di qualità fa sempre la differenza. Considera che le foto con alcune caratteristiche (ad es. luminosità, colori dominanti, saturazione) sono più performanti di altre. Il segreto è essere così interessante da incuriosire e quindi spingere le persone a seguirti. Le foto rappresentano sicuramente l’elemento principale di Instagram come per natura del social. Ma è anche vero che Instagram rivolge sempre più spazio ed importanza ai video che rappresentano uno dei trend del momento (assieme allo Stories). Non a caso nella sezione Popular Page, lo spazio dedicato ai video è molto più ampio rispetto a quello per le foto, proprio perché attualmente Instagram sta puntando molto sui video offrendo loro notevole visibilità.

Content is the King

Le Stories sono lo strumento più recente introdotto da Instagram per comunicare in modo alternativo con i propri follower, parlando di se stessi e mostrandosi in una veste differente, anche più intima e privata. Utilizzare le Instagram Stories significa stabilire una relazione ancor più profonda e credibile con i propri follower e di riflesso un ulteriore fidelizzazione del proprio pubblico. La didascalia dev’essere lineare e pulita, in cui è preferibile inserire gli hashtag alla fine. Strumenti utili per migliorare l’engagment possono essere le CTA (Call To Action), cioè richiamare i tuoi follower a compiere un’azione precisa, come lasciare un commento con la loro opinione o esperienza, o taggare un amico tra i commenti…in modo da diffondere il contenuto.

Bello e impossibile…da imitare

Cerca di creare uno stile personale e univoco, per dare un’identità ben precisa alla tua pagina, comunicando qualcosa di davvero distintivo (ad esempio unità cromatica, stessa tipologia di filtro, ecc.). Chi lo visualizza, se percepisce che c’è un tema che si ripete in modo sempre diverso ma che segue un filo conduttore preciso può rivelarsi interessato a seguirti. Viceversa, proporre contenuti anche di buona qualità ma disordinati e confusi nel loro assieme rappresenta un errore che incide negativamente sul feed del profilo. Inoltre, una pagina targettizzata, cioè capace di intraprendere una comunicazione con un pubblico ben definito, ha molta più possibilità di successo su Instagram.

Filtri

I filtri a mio avviso sono utili ma non sempre necessari. Spesso una foto se ben fatta è decisamente più apprezzata al naturale. In altri casi invece i filtri possono apportare una particolarità distintiva alla foto. Non c’è quindi una regola precisa, ma la scelta è a discrezione del proprio gusto personale.
Talvolta può essere utile applicare una leggera revisione della foto per caratterizzarla in modo più efficace. In questo senso l’app Snapseed offre le funzioni di editing più avanzate per riuscirci.

Hashtag

Hashtag instgram
L’utilizzo corretto degli hashtag è molto importante per aumentare i follower su Instagram. Per riuscire ad ottenere una maggiore visibilità è necessario utilizzare un giusto mix tra gli hashtag più diffusi (quelli con milioni di post), quelli mediamente comuni (quelli con migliaia di post) e quelli meno popolari (con centinaia di post). Un consiglio è di dare sempre un’occhiata a qualche competitor di successo per vedere quali hashtag utilizza generalmente. Cerca inoltre di utilizzare parole singole (es. #mare) o comunque singoli concetti (#vogliadimare), anziché intere frasi (#voglioandarealmare), alternando anche quelli italiani a quelli inglesi (chiaramente molto dipende anche dal target a cui ti rivolgi). Puoi utilizzare fino a un massimo di 30 hashtags ed è consigliabile sfruttarli tutti. Esiste poi anche un ‘trucco’ per poterli raddoppiare, postando dapprima la semplice didascalia testuale del post e aggiungendo di seguito i primi 30 hashtag in un commento per poi inserirne altri 30 aggiuntivi modificando la didascalia del post stesso.

Interattività

Followers Instagram
Un dato da tenere sempre in forte considerazione è l’interazione.
Avere migliaia di followers e non avere un numero di ‘mi piace’ adeguato per i post serve a poco. Per questo l’engagment, cioè il rapporto tra numero di seguaci e like ai contenuti, è fondamentale.
Aumentate i like infatti significa accrescere la visibilità dei nostri contenuti e quindi la possibilità che le persone ci seguano. Un consiglio è di evitare assolutamente di comprare follower o like su Instagram, che non apportano nessuna interazione. Il motivo è molto semplice: Instagram non valuta solo il numero ma anche la qualità dei like che ricevi, cosi come non è la quantità dei follower a fare la differenza, bensì quelli interessati e interattivi. Essere attivi su Instagram non significa solo postare con frequenza regolare e focalizzarsi solo sul proprio profilo, bensì anche interagire con gli altri. Essere insomma social! Inoltre lasciare like e commenti è anche un modo per farsi notare dagli altri, attraverso testimonianze di gradimento che spesso verranno poi anche ricambiate. Tuttavia è necessario evitare commenti tutti uguali (tipo “nice” o “good”) considerati come spam da Instagram e ritenuti fastidiosi dagli utenti quasi quanto quelli auto-pubblicitari. Inoltre, è utile scegliere i profili con cui interagire in base a precisi criteri di selezione (come affinità di interessi, target, ecc.) anche per coloro a cui si decide di lasciare il proprio follow.

Orario di pubblicazione

C’è un momento giusto in cui pubblicare? Generalmente l’orario migliore è dalle 14 alle 17, quando magari si raggiunge il picco degli utenti attivi su Instagram, ma anche in questo caso non può essere una regola sempre valida. Spesso l’orario migliore dipende anche dalla tipologia dei post (ad es. se pubblichi post relativi al food magari l’ideale sarebbe prima dell’orario di pranzo o di cena). Il consiglio è di sperimentare attraverso la pubblicazione in diverse fasce orarie e verificare quando c’è una risposta migliore. Anche la frequenza dei post dev’essere distribuita correttamente nel tempo evitando l’effetto raffica in un momento singolo della giornata che può essere controproducente.

Limiti su Instagram

Esistono anche alcuni limiti posti da Instagram, per evitare i relativi blocchi più o meno temporanei, come il limite delle 60 operazioni massime consentite in all’ora tra like, commenti e follow/unfollow e le 500/1.000 nell’arco della giornata. Si tratta chiaramente di infrazioni orientative, che non portano danni irreparabili alla prima violazione, ma reiterati con frequenza nel tempo possono comportare invece sanzioni più importanti.

I risultati arrivano sempre col tempo…

Mettere in pratica costantemente tutte queste azioni sicuramente richiede molto tempo. Esistono anche ‘scorciatoie’ quali i Bot (come Boostgram) che rendono diverse attività automatizzate, quindi più rapide e semplici, ma è bene sottolineare che Instagram non valuta positivamente gli account che utilizzano dei Bot, in quanto vietate dal proprio regolamento, quindi è necessario quanto meno non farne un utilizzo smisurato. Non a caso diversi Bot sono stati anche chiusi (come Instagress che era anche il più conosciuto).
Un Bot può lasciare like, cominciare a seguire profili e anche commentare. Tuttavia se proprio decidi di utilizzarlo il consiglio è di non automatizzare mai la funzione commento. I commenti spam infatti sono la principale fonte di segnalazione nonché uno dei motivi più comuni per la chiusura di account Instagram.
Ad ogni modo, diffida assolutamente da chi ti vuol far credere che il tuo profilo possa crescere in pochi giorni. La verità è che sono necessari tempo, costanza e pazienza, applicando con regolarità i consigli che ti ho fornito. Anche quando la crescita non è costante non demordere, ma analizza i risultati, applica le differenti strategie e individua quali sono più idonei al tuo profilo. Sarà poi la perseveranza a portarti i risultati che meriti!

Lascia una risposta

...
Loading