Social Media Strategy: come condividere i post per creare engagement e conversioni

Social Media Strategy

Una Social Media Strategy, ovvero una strategia per i social media, rappresenta un modo per condividere efficacemente i post sui social network interagendo con i propri fan e follower creando il cosiddetto engagement, il coinvolgimento degli utenti che porta ad conseguente aumento del traffico su un sito web.

Una pagina social è spesso utilizzata per promuovere un sito che offre prodotti o servizi in vendita, o un blog il cui obiettivo è far conoscere il blogger che racconta le sue esperienze personali o professionali riportate nei suoi blog post. Sulle pagine social si possono condividere diverse tipologie di contenuto (articoli educativi, guide, articoli promozionali, articoli informativi con dati e statistiche, ecc., ecc.) che si possono proporre agli utenti con una determinata frequenza, ovvero una tempistica per la condivisione, che può essere quotidiana o a cadenza settimanale.

Ogni Social Media Strategy viene creata per un determinato obiettivo: guadagnare credibilità agli occhi dei clienti acquisiti quando si tratta di un brand, convertire i contatti in clienti, promuovere valori sociali o movimenti culturali che possono far riferimento, spesso anche indirettamente, a lobby, organizzazioni, associazioni.

Una pagina social si rivolge innanzitutto al proprio target, ovvero l’insieme di utenti le cui caratteristiche socio-demografiche e i cui stili di vita, dovrebbero essere noti a priori per poter avviare una strategia social che sia mirata ed efficiente in termini di engagement, di traffico web e di business. Con il trascorrere del tempo, la pagina dovrebbe ampliare sempre di più il proprio raggio d’azione raggiungendo un numero sempre più elevato di contatti.

Utilizzando i più comuni social network quali Facebook, Instagram, LinkedIn, Google+, è possibile monitorare il raggiungimento dei propri obiettivi, utilizzando ad esempio Facebook Insight come altre funzioni reperibili tramite plugin da installare sul CMS con cui si lavora per il proprio sito web e in cui si inseriscono i contenuti.

Per capire quale social network sfruttare al meglio per raggiungere i propri obiettivi di business e di notorietà sul web, è consigliabile creare dei sondaggi on line, da rivolgere ai contatti del proprio sito web, anche tramite newsletter, per sapere quali social sono più propensi ad usare, perchè li usano e con quale frequenza.

In cambio delle risposte al sondaggio proposto, si può offrire ai contatti un contenuto Premium, detto anche Freebie o Infoprodotto, ovvero un regalo che può consistere in un e-book, o in un tutorial o in un webinar, così come si può offrire un coupon, uno sconto su qualcosa in vendita tramite il proprio sito.

Per sviluppare una valida Social Media Strategy è opportuno creare un piano editoriale con un apposito calendario per le pubblicazioni dei post che possono essere programmate anche in largo anticipo; inoltre è opportuno monitorare le interazioni con i contatti tramite specifici tools per poter sapere chi legge, chi segnala i post, quante visite riceve la pagina social e quante condivisioni vengono effettuate dagli utenti che sono fan e follower e che decidono di diffondere i contenuti della pagina sul proprio profilo o su altri social network. Con Google Analytics è invece possibile sapere chi visita le pagine web del proprio sito tramite le pagine social proprie del portale.

Social Media Strategy: quali vantaggi comportano le condivisioni sui social network

Una Social Media Strategy deve essere pianificata in base al social network da utilizzare, creando contenuti e schedulando la pubblicazione in base a diversi fattori riguardanti sia le peculiarità del social utilizzato e sia quelle del target coinvolto.

Tramite le condivisioni sui social network si possono riscontrare numerosi vantaggi per il proprio business on line; ecco di seguito un elenco di tali vantaggi:

  • Brand Awareness e Brand Reputation: condividere post sui social network comporta azioni sociali quali like e commenti che vanno a definire la notorietà del sito, blog o marchio di riferimento (Brand Awareness) e la reputazione degli stessi (Brand Reputation). E’ importante sapere che gli utenti e i potenziali clienti, si fidano molto di più delle interazioni tra loro che delle informazioni diffuse dalle aziende e dai siti web sui social. E’ dunque opportuno che per ogni post condiviso vengano inseriti dei commenti per far considerare il contenuto pubblicato, autorevole ed attendibile, nonché interessante agli occhi di nuovi utenti.
  • Conversioni: le condivisioni sui social garantiscono non poche conversioni, ovvero la trasformazione degli utenti da semplici visitatori a Leads, i contatti del sito che iscrivono ad esso lasciando i propri dati.
  • Vendite: è l’obiettivo del cosiddetto Funnel Marketing, che prevede di attirare gli utenti in diversi modi tra cui le condivisioni di contenuti originali e di qualità che possano diventare “virali”, ovvero altamente emozionali a tal punto da fare il giro della rete in poco tempo ed incrementando traffico in maniera notevole.

Quando si decide di realizzare una Social Media Strategy si deve tener conto di molti fattori tecnici e stilistici relativi al social sharing, ecco i principali da tenere in mente e alcuni consigli su come condividere i post in modo efficace:

  • Mobile-friendly: i contenuti, per essere condivisi sui social network devono sempre essere ottimizzati per i dispositivi mobili quali smartphone e tablet. Ecco i requisiti che i post devono avere per risultare correttamente mobile-friendly:
  1. Le pagine web del sito devono caricarsi molto velocemente, altrimenti se in pochi secondi una pagina non si carica, l’utente abbandona la navigazione.
  2. In versione mobile i contenuti web devono essere uguali a quelli fruibili da pc.
  3. Gli articoli molto lunghi si possono condividere sui social evidenziando la loro lunghezza con una abbreviazione, inserendo un link con la voce “leggi il resto…” oppure inserendo un pulsante cliccabile che apre una scheda contenente il testo per intero, leggibile tramite la piattaforma social.
  4. Se nei post si vogliono inserire dei video fruibili anche in versione mobile, assicurarsi che questi siano in formato HTML5. La versione Flash non è adatta al mobile.
  5. Non usare eccessivamente i popup intrusivi poiché non sono ben visti da Google, né dagli utenti che con essi riscontrano difficoltà a visualizzare i contenuti.
  6. Le URL inserite per il pc e per il mobile devono sempre essere identiche.
  • Motivare la condivisione: prima di scrivere un articolo e di condividerlo, è importante chiedersi perchè gli utenti dovrebbero condividere quei post; per generare numerose

condivisioni si dovrebbero fornire contenuti utili, interessanti ed emozionanti, che includano immagini di qualità, realizzabili con tool specifici indicati per i social network, nonché infografiche e video. Con dei contenuti molto curati, si riesce ad invogliare gli utenti a condividerli sui social. Alcuni esempi di post che generano molte condivisioni sono i consigli pratici e le guide per compiere determinate azioni e risolvere determinati problemi, articoli che rispondono agli interessi di un target di nicchia.

  • Regalare un Premium Content: come già accennato sopra, gli utenti simpatizzano per i contenuti che regalano qualcosa come ad esempio un e-book da scaricare gratis oppure un coupon che offre promozioni. In questo caso, il social post fa dunque leva sull’importanza e sulla qualità di ciò che viene offerto e che potrebbe servire anche agli amici dell’utente/contatto, il quale fungerebbe da promotore della pagina social e del sito web, aumentando i like, i follower ed il traffico web del sito di riferimento.
  • User Experience e Web Usability: l’esperienza dell’utente e l’usabilità di una pagina web sono elementi importantissimi da considerare per assicurarsi che gli articoli postati vengano condivisi sui social. Ogni articolo pubblicato su un blog deve sempre includere tutte le modalità di interazione quali i commenti alla fine dell’articolo, tramite cui un utente può scrivere loggandosi con il suo profilo social. Nella pagina del blog post devono essere presenti anche i pulsanti di condivisione dei vari social network posizionati in alto subito dopo il titolo e l’eventuale sottotitolo. Il titolo di un blog post da condividere, per essere visualizzato interamente deve contenere circa 90 caratteri, mentre la descrizione visualizzata dovrà essere di 250 caratteri.

Chi ricopre il ruolo di Social Media Strategist o Social Media Manager, dovrebbe essere in possesso di tutte le conoscenze e le competenze di cui si è parlato sopra, perchè tale professionista che lavora comunicando, in genere gestisce più pagine social per diversi clienti, e conosce perfettamente le caratteristiche dei vari social network, nonché le tempistiche adatte per condividere i post, generando engagement a favore della reputazione di un brand on line.

Come aumentare le visite di un sito web con i social network: ecco quando condividere i post

Aumentare le visite di un sito web con le condivisioni sui social network è l’obiettivo di molti, perchè i social, se usati in modo strategico e professionale, assicurano molti vantaggi per tutte le attività on line, commerciali o non commerciali. Ad ogni modo, è opportuno analizzare il rapporto tra il contenuto da scrivere e da condividere ed il suo target di riferimento, pianificando un’accurata Social Media Strategy scegliendo tra le varie tipologie di condivisioni:

  • Condivisione automatica: è una condivisione strategica che si può usare per invitare gli utenti a leggere dei contenuti solo se i post vengono dapprima condivisi sui loro profili social. Questo espediente si può utilizzare tramite appositi plugin per le condivisioni automatiche sui social da installare sui CMS del sito web, permettendo inoltre a chi gestisce la pagina di conoscere le statistiche relative alle interazioni.
  • Condivisione immediata: si tratta di una condivisione sui social network finalizzata a comunicare qualcosa tramite una diretta con il live streaming o con un blog post che abbia un titolo basato sull’attualità di una notizia.
  • Condivisione al momento giusto: questa tipologia di condivisione si basa sul tempismo perfetto della pubblicazione dei post, i quali potrebbero raggiungere un elevato numero di utenti per l’orario di pubblicazione che potrebbe essere il momento più adatto a leggere quel determinato contenuto. Ovviamente, il momento giusto per condividere i post dipendono dal social network che si utilizza e dall’argomento trattato in un articolo condiviso o in un post caratterizzato da poche righe. In genere, Facebook registra un engagement più elevato nelle prime ore pomeridiane, dalle 13.00 alle 16.00 come anche in tarda serata dopo le 22.30, Twitter è più gettonato nel pomeriggio, LinkedIn dalla mattina al pomeriggio, mentre Instagram registra un notevole traffico senza grandi cambiamenti nell’arco dell’intera settimana.

Una Social Media Strategy dovrebbe sempre essere associata alla creazione di validi contenuti, questo vuol dire che scrivere blog post efficienti ottimizzati Seo è la regola principale per incrementare traffico di un sito e scrivere post brevi direttamente sui social permettere agli utenti di imbattersi in una fruizione immediata.

Esistono però diverse tipologie di social post: possono essere brevi e descrittivi di ciò che viene condiviso, brevi e persuasivi con una eventuale Call To Action che invita l’utente a cliccare sul contenuto condiviso, oppure lungo e discorsivo, raccontando un fatto, un evento, oppure offrendo una riflessione su determinate situazioni, nonché su dati, statistiche che riguardano il mercato o l’argomento su cui si basa il sito web e la stessa pagina social.

Molte volte, si preferisce scrivere dei lunghi social post piuttosto che condividere degli articoli che fanno parte di un blog, ma le scelte editoriali sui contenuti da offrire ai propri utenti e sulle forme che esso può assumere, sono sempre molto arbitrarie.

Lascia una risposta